LIONS 25 GIAGUARI 13

Comunicato del 08.04.2014 #senior
Le parole dei Protagonisti 

 

Soddisfazione in casa Lions per la vittoria con i Giaguari che traspare dalle parole di Coach Marossi: “La partita è andata bene, difensivamente abbiamo faticato nel primo quarto, poi con alcuni aggiustamenti le cose sono decisamente migliorate. Una delle  mosse chiave è stato spostare Ezio Marone da MLB a DE; è cresciuta la sua pericolosità ed aggressività  e la squadra lo ha seguito annullando l’attacco dei Giaguari... Alla fine del primo tempo non ero contento, ho detto ai ragazzi che è compito dei coach preparare la partita, loro devono eseguire ed è quello che hanno fatto nel secondo tempo; pensare troppo nel football non aiuta, perdi quell’ attimo che fa la differenza tra fare un placcaggio e mancarlo, bisogna fidarsi di quello che si è preparato ed eseguire… L’ attacco ha avuto lo stesso problema della difesa, ancora troppa paura di sbagliare, sulle corse ci abbiamo messo un po’ ad aggredire ed a portare i blocchi necessari ad aprire gli spazi per Ghislandi e Furghieri… Sui lanci invece la linea ha dato il tempo giusto a Bisiani ma manca ancora il timing tra ricevitori e QB… Bisogna ancora lavorare tanto ma la sensazione è che i ragazzi stiano finalmente prendendo il giusto ritmo, sono contento del clima che si respira in squadra e sono convinto, siamo convinti, di aver imboccato il sentiero giusto…  Sono fiero del lavoro dei miei ragazzi e lo sono altrettanto del coaching staff e del feeling che si è creato! Tutti stanno facendo un lavoro eccezionale… Domenica si va a Napoli, stiamo studiando i filmati, arriveremo in campo pronti e convinti di poter far bene e continuare il nostro percorso di crescita!”

Patrick Pompilii torna sui concetti espressi da Coach Marossi: “ Inizio difficile di partita, difensivamente,  nel primo quarto, sia io che i miei compagni abbiamo faticato, poi, con i giusti correttivi, ed una partita sopra le righe di Archetti e Marone,  le cose hanno iniziato a funzionare. Nel secondo tempo attacco e difesa hanno fatto il loro e ci siamo portati a casa una importantissima vittoria… Stiamo crescendo di partita in partita e abbiamo la possibilità di fare un campionato di livello. Domenica ci aspetta Napoli che, in casa, cercherà di fare la partita della vita per riuscire a batterci. L’ obbiettivo per me rimane quello dei Play off e questo passa da partite come quella di Napoli, che dobbiamo vincere. Con i Rhinos l’abbiamo persa noi, siamo stati bravi a rifarci immediatamente con i Giaguari, dimostrando di che pasta siamo fatti ma adesso è vietato sbagliare… L’ IFL è un campionato in cui ogni partita è una battaglia, ma questo  ti spinge a migliorarti come singolo e come squadra… Abbiamo un coaching staff preprato, in grado di esaltare le nostre caratteristiche e di portare questo gruppo ad un livello superiore.”

Chiude Ezio Marone.. Ezio partiamo dalla fine.. raccontaci cosa è successo dopo il late hit che ti hanno chiamato: “ho avuto uno scambio di battute con Ari, loro hanno scelto un gioco di pass, io ho colpito il tackle, è arrivato Archetti a far pressione, il qb stava cercando di lanciare ma siamo riusciti a colpirlo.. il fumble l’ ha poi ricoperto Federico Furghieri.. è stata una giocata importante ma è stato il modo in cui abbiamo giocato tutto il secondo tempo, siamo saliti di livello, abbiamo giocato del buon sano old style football, aggressivi, decisi e senza nessuna paura. Non siamo i Lions a cui bastava una tecnica sopraffina per vincere le partite, siamo una squadra diversa, dobbiamo giocare un football aggressivo, ne abbiamo bisogno, domenica siamo riusciti a farlo e abbiamo vinto. Atleticamente stiamo bene e lo abbiamo dimostrato con un secondo tempo in crescendo… Oggi siamo stati una squadra, la difesa ha dato la giusta scossa all’ attacco, l’ attacco ha ripagato gli sforzi della difesa segnando i TD che ci hanno permesso di battere i Giaguari. Siamo un gruppo affiatato e lo abbiamo dimostrato… Adesso però dobbiamo continuare a lavorare, dobbiamo migliorare la difesa sui passaggi, partendo dalla linea che deve portare più pressione fino ai DB che devono “stare” con i WR… C’è  la possibilità,  vincendo a Napoli Domenica e poi a Ferrara, di inanellare una serie di vittorie ma vorrei sottolineare che il nostro “problema” non sono i Play off ma far crescere questo gruppo. Questo deve essere il nostro fine, se lavoriamo bene, con il coaching staff che ci ritroviamo e con tanti giovani che migliorano di partita in partita potremo trovarci, nel giro di qualche stagione, con un gruppo pronto a vincere!”

Ufficio Stampa Lions Bergamo